Amanita citrina

Classe: Basidiomiceti Nome scientifico: Amanita citrina (Schaeff.) Pers. Sinonimi: Agaricus citrinus - Amanita mappa Nomi volgari: Tignosa paglierina - Agarico citrino

Caratteristiche morfologiche

Cappello: 4-10 cm, carnoso, da emisferico a piano, di colore giallo con varie tonalitÓ (tutto bianco nella varietÓ alba), coperto da verruche piatte e irregolari, prima biancastre poi brunastre. Cuticola viscosa e brillante. Lamelle: biancastre, fitte, generalmente libere. Gambo: 6-12 x 07-1,5 cm, cilindrico, prima pieno poi cavo, bianco o giallastro, striato al di sopra dell'anello, con grosso bulbo biancastro imbrunente, sul quale aderisce una volva marginata. Carne: bianca o appena giallina sotto la cuticola, consistente. Odore di ravanello e sapore dolciastro. Spore: bianche.

Habitat

Fungo simbionte. Il nome deriva dal latino "citrinus", per il colore del cappello. Frequente nei boschi di conifere e latifoglie in suoli acidi, in autunno. Un tempo veniva considerata mortale al pari dell'Amanita phalloides. L'esperienza ha dimostrato che le gravi intossicazioni sono state causate da forme giallastre della phalloides e non dalla citrina. Cotto Ŕ un mediocre commestibile, ma se ne sconsiglia l'uso per evitare tragici errori.

Commestibile

Altre notizie sulla rete

Percorso mostra micologica

Amanita caesarea Amanita citrina Amanita crocea

Genera scheda in formato pdf

Torna alla mostra micologica